La città di Ekaterinoslavl (oggi Dnepropetrovsk) è stata chiamata la terza capitale dello stato durante l’esistenza dell’Impero russo. Alla fine del Settecento iniziò su questo territorio un rapido sviluppo del commercio e dell’industria e ben presto l’insediamento ottenne lo status di città. Oggi Dnepropetrovsk occupa un territorio piuttosto vasto sulla mappa vicino ai confini orientali dell’Ucraina. È diviso in due parti disuguali dal fiume Dnepr. Sul lato orientale del distretto urbano si trova un grande serbatoio intitolato ad A. IN E. Lenin, che si è formato all’incrocio del fiume Samara con i suoi affluenti – Tatarka e Kilchenya.

7 ponti stradali sono stati costruiti attraverso il letto dei fiumi in questo luogo e sono attualmente in uso. Una parte significativa del lato occidentale della città è occupata da numerosi bacini artificiali grandi e piccoli. Da un satellite, puoi vedere che la posizione delle strade di Dnepropetrovsk stessa è un sistema molto ramificato. Una rete di viali e autostrade in uno schema complesso collega tra loro tutti i quartieri della città, passando in periferia in ampie autostrade divergenti in direzioni diverse.